Destinazioni Natura

Le 5 isole con i nomi più strani e le loro storie

In viaggio, la cosa migliore è perdersi. Quando ci si smarrisce, i progetti lasciano il posto alle sorprese, ed è allora, ma solamente allora, che il viaggio comincia. – Nicolas Bouvier

Se avresti scoperto per la prima volta un’isola, come l’avresti chiamato? Nell’epoca dei più grandi esploratori come Vasco da Gama, Colombo, Magellano ecc, questa domanda si ponneva spesso e le scelte erano ancora più ampie. Alcune isole sono state battezzate dagli marinai, altre invece hanno preso il proprio nome dalla storia che nascondono.

Abbiamo scelto 5 di loro, proprio per la storia particolare:

1.CONFLICT ISLANDS

Chi avrebbe osato a visitare un’isola che si chiama Conflitto? In effetti, questo atollo corallino sulla costa orientale della Papua Nuova Guinea, è uno dei luoghi più tranquilli che tu possa mai visitare su questo pianeta. Il primo a dare questo nome alle isole, fu Sir Graham Bower, il capitano dell’HMS Conflict, che per primo scoprì queste isole nel Pacifico occidentale. Il vero motivo del nome della nave è un’altra storia.
Oltre alla serenità e al relax è il luogo perfetto per il paddle boarding e il kayak. Inoltre, puoi vedere da vicino e nutrire le tartarughe marine che su quest’isola hanno la loro dimora permanente.

2.CHRISTMAS ISLAND

Nell’era dell’esplorazione, furono i marinai europei a nominare elementi geografici in onore del giorno in cui venivano scoperto per la prima volta. Motivo per il quale, quest’isola scoperta da un marinaio inglese a dicembre del 1643 si chiama Isola di Natale. Fa parte del territorio Australiano, anche se geograficamente si trova più vicino ad Asia. E’ una destinazione che ti riempie di sorprese, dalla migrazione annuale dei granchi rossi agli uccelli rari e insoliti e alle spiagge ampie e incontaminate

3.DOLL ISLAND

Appena a sud di Città del Messico, tra i canali di Xochimicos, si trova un isolotto con un panorama triste che attrae molti turisti con la storia che nasconde. L’isola delle bambole si dedica all’anima perduta di una povera bambina che ha incontrato troppo presto il suo destino. Un ex-abitante dell’isola, Don Julian era perseguitato dalla sua morte, quindi quando ha visto una bambola che galleggiava nel canale poco dopo, l’ha appesa a un albero per compiacere la ragazza. Sperava sia di placare la sua anima torturata sia di proteggere l’isola da ulteriori mali. Così non ha più potuto smettere di appendere bambole su tutto l’isola.

4.THE DISAPPOINTMENT ISLANDS

Era invece l’esploratore portoghese Ferdinand Magellan, che li notò mentre si recava nelle Filippine nel 1520. Lui ha scelto una descrizione meno deprimente, chiamandole “Isole sfortunate” visto che non c’era una fonte di acqua fresca. Nel 1765, un ufficiale marino britannico, John Byron, li ha dato un nome ancora più negativo, ovvero ‘‘L’isola della delusione’’, per via degli abitanti che secondo lui avevano mostrato un’atteggiamento poco amichevole nei suoi confronti.

5.DEVIL’S ISLAND

Quest’isola nell’Atlantico occidentale è la colonia criminale di Cayenne, meglio conosciuta come Devil Island dopo la famigerata storia delle prigioni che si trovavano nel XVIII secolo. La stessa Isola del Diavolo fu usata per la prima volta dai francesi come colonia per i malati di lebbra e in seguito per punire i prigionieri politici. Al momento quest’isola è chiusa e non può essere visitata dai turisti.

Ti potrebbero interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *